News ultimissime!

Mostre fotografiche

  • Il reportage di Daniele Robotti all'interno del Carcere di Alessandria

    Daniele Robotti, fotografo, ha ripreso gli oggetti di vita quotidiana e gli spazi frequentati dai detenuti, all'interno del carcere di San Michele in Alessandria. Le immagini sono state raccolte in un libro, "Cose Recluse", corredate dai testi della giornalista Mariangela Ciceri. In questa intervista i due protagonisti raccontano la loro esperienza. Le difficoltà incontrate, le soluzioni tecniche.


    .

  • Il reportage di Daniele Robotti all'interno del Carcere di Alessandria

    Daniele Robotti, fotografo, ha ripreso gli oggetti di vita quotidiana e gli spazi frequentati dai detenuti, all'interno del carcere di San Michele in Alessandria. Le immagini sono state raccolte in un libro, "Cose Recluse", corredate dai testi della giornalista Mariangela Ciceri. In questa intervista i due protagonisti raccontano la loro esperienza. Le difficoltà incontrate, le soluzioni tecniche.


    .

  • Inaugurata a Milano una grande mostra dedicata al fotografo Herb Ritts

    A Palazzo della Ragione si è aperta la grande mostra di Herb Ritts. L'abbiamo vista in anteprima. Un importante e azzeccato allestimento dello studio Migliore + Servetto Architects per una esposizione da non perdere. Tre aree con le immagini, spesso inedite, tra ritratti di personaggi famosi, moda, corpo umano, un lavoro realizzato dal fotografo in Africa e video. L'intervista con la curatrice


    .

  • Mostra fotografica di Erminio Annunzi: "...di alberi, di acqua, di terra..."

    L'Amazzonia dietro casa, così potremmo definire la mostra di Erminio Annunzi, fotografo, esperto di stampa e docente di fotografia. Con le sue immagini ci fa partecipi di una esotica e coinvolgente avventura fotografica che, forse sulle orme del Voyage autour de ma chambre, di De Maistre, svela un mondo incantato dietro casa. Fino al 16 ottobre 2016 presso Villa Marazzi di Cesano Boscone.


    .

  • Silvia Amodio e il suo progetto fotografico in mostra alla Triennale di Milano

    "Deo Gratias" è il titolo della mostra fotografica allestita al palazzo della Triennale di Milano e aperta dal 24 luglio al 2 agosto. Il progetto è stato realizzato con la collaborazione di Coop Lombardia. Una serie di interessanti e bellissimi ritratti in cui forma e contenuto si fondono per dare valenza artistica all'immagine. Intervista a Silvia Amodio con l'intervento critico del curatore della mostra Roberto Mutti


  • EyesOpen n. 9, la rivista dell'immagine a 360° con Nikon Key Mission

    Il nono numero della rivista d'immagine EyesOpen, intervista a 360° con Nikon Key Mission, la action cam che fa navigare dentro la scena. Venite con noi a intervistare Barbara Silbe e Manuela Cigliutti, artefici del progetto. Tanti articoli interessanti anche su questo numero, tra autori affermati ed emergenti. Parliamo di fotografia a 360° gradi!


    .

  • EyesOpen!, nuovi talenti e fotografi affermati sul n. 8

    La rivista dell'immagine EyesOpen! n.8. Tante novità anche in questo fascicolo dedicato all'Ovest, viaggio tra le bellezze e le contraddizioni del mondo Occidentale: ampio spazio per i giovani talenti italiani, un articolo dedicato al grande Robert Mapplethorpe, la rubrica di Erminio Annunzi e molto altro. Intervista semi-seria con Barbara Silbe e Manuela Cigliutti, artefici del progetto. To be continued... L'INTERVISTA AL PRIMO COMPLEANNO


    .

  • Forma Meravigli, la realtà fotografica milanese dedicata a mostre e incontri

    Oggi l'inaugurazione della interessante mostra di Vivian Maier, fotografa americana di street photography che non ha mai pubblicato nulla in vita (aperta dal 20 novembre 2015 al 31 gennaio 2016). La ospita lo spazio Forma Meravigli. Aperto di recente è la nuova realtà milanese dedicata a mostre, incontri e workshop. Abbiamo intervistato la direttrice artistica Alessandra Mauro


    .

  • Fujifilm e International PhotoProject 2017, 25 e 26 marzo

    Fujifilm sponsor di International PhotoProject 2017: mostre fotografiche di giovani autori di USA, Cuba e Italia. Milano 25-26 marzo 2017. Un appuntamento anche per provare, con la guida di professionisti, le ultime fotocamere Fujiflm, tra cui l'attesa medioformato. Mostre e workshop, incontri con giovani fotografi scelti dal fondo Malerba per la fotografia. L'appuntamento alla Fabbrica del Vapore di Milano.


    .

  • Fujifilm e International PhotoProject 2017, 25 e 26 marzo

    Fujifilm sponsor di International PhotoProject 2017: mostre fotografiche di giovani autori di USA, Cuba e Italia. Milano 25-26 marzo 2017. Un appuntamento anche per provare, con la guida di professionisti, le ultime fotocamere Fujiflm, tra cui l'attesa medioformato. Mostre e workshop, incontri con giovani fotografi scelti dal fondo Malerba per la fotografia. L'appuntamento alla Fabbrica del Vapore di Milano.


    .

  • 89+[(300*numero frasi-10*numero delle lettere) : numero delle parole] è la formula per trovare l’indice di leggibilità di un testo. E’ l’indice Gulpease elaborato, per la lingua italiana,

  • Intervista al fotografo Ferdinando Scianna in mostra a Forma

    Ferdinando Scianna, uno dei maggiori fotografi italiani, è in mostra a Forma Meravigli a Milano con il suo ultimo lavoro: "Istanti di luoghi". Un libro e una mostra. Scianna ci racconta il suo modo di fotografare, di catturare i luoghi, nella sua lunga attività di fotografo. Il suo amore per la scrittura che ha dato vita nel corso degli anni a tantissimi libri. Sulla fotografia e non solo.


    .

  • Una vite, i grandangoli e la marmellata.

    Giuseppe Turroni era critico cinematografico, negli anni Sessanta del ‘900 scriveva nel Corriere della Sera anche di fotografia. Giovane appassionato dell’argomento, non ancora divenuto mestiere, ne leggevo con interesse gli scritti. Da redattore dello storico mensile Fotografia Italiana lo conobbi di persona. Un signore colto, appassionato delle immagini ma che sapeva di musica e pittura e storia.

    .

  • Una vite, i grandangoli e la marmellata.

    Giuseppe Turroni era critico cinematografico, negli anni Sessanta del ‘900 scriveva nel Corriere della Sera anche di fotografia. Giovane appassionato dell’argomento, non ancora divenuto mestiere, ne leggevo con interesse gli scritti. Da redattore dello storico mensile Fotografia Italiana lo conobbi di persona. Un signore colto, appassionato delle immagini ma che sapeva di musica e pittura e storia.

    .

  • Un taxista, gli schiavi neri e la fotografia in mostra

    Oggi si chiama Benin, una volta era il regno del Dahomey. E’ una striscia di terra, lunga e stretta, che si affaccia sul Golfo della Guinea. Dal Dahomey partivano i vascelli carichi di schiavi, che i commercianti arabi avevano razziato all’interno dell’Africa.

    .

  • Un taxista, gli schiavi neri e la fotografia in mostra

    Oggi si chiama Benin, una volta era il regno del Dahomey. E’ una striscia di terra, lunga e stretta, che si affaccia sul Golfo della Guinea. Dal Dahomey partivano i vascelli carichi di schiavi, che i commercianti arabi avevano razziato all’interno dell’Africa.

    .

  • Caffè, fotografia e un po’ di Stendhal

    La biografia ne afferma la nascita il giorno otto febbraio 1944 ad Aimorès, cittadina di un ventimila abitanti nello stato brasiliano di Minas Gerais. La fazenda di famiglia si estendeva per infiniti ettari lungo una valle ampia, coperta da boschi. Caffè e allevamento del bestiame erano le attività del luogo. Unico maschio, in un universo familiare di sette sorelle, venne avviato agli studi di economia, che terminò a Parigi con un dottorato presso l’Ecole Nationale de Statistique et de l’Administration Economique. Studi e natali lo portarono, poi, a Londra: funzionario dell’Organizzazione Internazionale del Caffè. Negli anni Settanta abbandonò il caffè per la fotografia.

    .

  • Caffè, fotografia e un po’ di Stendhal

    La biografia ne afferma la nascita il giorno otto febbraio 1944 ad Aimorès, cittadina di un ventimila abitanti nello stato brasiliano di Minas Gerais. La fazenda di famiglia si estendeva per infiniti ettari lungo una valle ampia, coperta da boschi. Caffè e allevamento del bestiame erano le attività del luogo. Unico maschio, in un universo familiare di sette sorelle, venne avviato agli studi di economia, che terminò a Parigi con un dottorato presso l’Ecole Nationale de Statistique et de l’Administration Economique. Studi e natali lo portarono, poi, a Londra: funzionario dell’Organizzazione Internazionale del Caffè. Negli anni Settanta abbandonò il caffè per la fotografia.

    .

  • Le rose decadenti, l'interessante mostra di Daniele Robotti

    Sono le rose che man mano avvizziscono le protagoniste della mostra di Daniele Robotti. Le immagini, esposte alla Spazio Porpora di Milano nell'ambito di Photofestival, sono state realizzate tutte con lo smartphone. La nostra intervista all'autore che racconta come è nata l'idea. Una storia affascinante che vale la pena conoscere


    .

  • Le rose decadenti, l'interessante mostra di Daniele Robotti

    Sono le rose che man mano avvizziscono le protagoniste della mostra di Daniele Robotti. Le immagini, esposte alla Spazio Porpora di Milano nell'ambito di Photofestival, sono state realizzate tutte con lo smartphone. La nostra intervista all'autore che racconta come è nata l'idea. Una storia affascinante che vale la pena conoscere


    .

Joomla SEF URLs by Artio